DOLCE MONTEBIANCO Rivisitazione “New Vegan Sugar-Free Stile”

L’altro giorno, con moglie(Isolina) e figlio minore(Dario), siamo andati a raccogliere le castagne che generosamente il bosco vicino casa ci dona tutti gli anni.

Quelle più grosse le abbiamo arrostite sulla cucina economica a legna, le altre le abbiamo bollite con tre foglie di alloro è un cucchiaio di semi di finocchio.

Quando le castagne cotte erano già tiepide, le ho sbucciate e tolto la pellicina. Fu in quel momento che apparve nella mia mente la rivisitazione “New Vegan Sugar-Free Stile” del famoso dolce Montebianco, fatto appunto con le castagne cotte.

Ingredienti: 500g circa di castagne cotte sbucciate – 400ml di latte di soia – 3 cucchiai di sciroppo d’agave – 1 cucchiaio colmo di cacao amaro in polvere – 1 cucchiaio di burro di nocciole – 1 cucchiaino di cannella.

Per la decorazione: 100ml di latte di riso – 1 cucchiaino di sciroppo d’agave – 1 cucchiaino di amido di mais – una striscetta di buccia di limone. 1 cucchiaio di cocco grattugiato.

*In una pentola mettete a cuocere per 40 minuti circa le castagne cotte con il latte di soia e il resto degli ingredienti. Girate spesso con una frusta per evitare che si attacchi sul fondo.

*Infine con un mini pin frullate il composto di castagne per formare una crema densa. Fate raffreddare.

*Nel frattempo preparate la crema di riso per la decorazione: in un pentolino fate sciogliere a freddo l’amido di mais con il latte di riso e lo sciroppo d’agave, aggiungete la buccia di limone e cuocete a fuoco basso, mescolando sempre fino a quando la crema si addensa. Fate raffreddare.

*In un piatto da portata montate il dolce: versate la crema di castagne in una sacca da pasticcere con beccuccio a stella, date forma a una montagna a partire dalla base più larga, fate tanti strati via via sempre più piccoli. In cima formate uno o più ciuffi a vostro piacere. Infine decorate cospargendo il cocco grattugiato e formando delle strisce di neve con la crema di riso.

E’ pazzescamente buono!!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *